Crea sito
Home Blog

Un racconto buddista ci insegna che per essere felici dobbiamo imparare a ignorare molte persone

0

 

Di Jennifer Delgado Suárez *

I rapporti interpersonali sono una fonte enorme di soddisfazione e felicità, ma sono anche la principale causa d’insoddisfazione e infelicità. Non dovremmo sorprenderci dal momento che tutti i fenomeni e le situazioni hanno due facce, di solito contrapposte.




Quindi, una delle chiavi per la felicità consiste nell’imparare a ignorare parole, atteggiamenti e comportamenti di molte persone.


Infatti, ci sono momenti in cui ignorare è una questione di salute mentale, perché ci sono atteggiamenti che possono destabilizzarci oppure ostacolarci al punto di impedirci di andare avanti e raggiungere il nostro potenziale. Renderci conto che stiamo alimentando rapporti tossici, nei quali noi stessi siamo le principali vittime, è il primo passo per liberarci dalla rete in cui siamo caduti.

Si dice che una volta, un uomo si avvicinò a Buddha e, senza dire una parola, gli sputò in faccia. I suoi discepoli si arrabbiarono.Ignorare è un’arte

Ananda, il discepolo più vicino, chiese a Buddha:

Dammi il permesso di dare a quest’uomo ciò che merita!

Buddha si asciugò con calma e rispose ad Ananda:

No. Io parlerò con lui.

E unendo i palmi delle mani in segno di riverenza, disse all’uomo:

Grazie. Con il tuo gesto mi hai permesso di vedere che la rabbia mi ha abbandonato. Ti sono estremamente grato. Il tuo gesto ha anche dimostrato che Ananda e gli altri discepoli possono essere ancora assaliti dalla rabbia. Grazie! Ti siamo molto grati!

 

Ovviamente, l’uomo non credette a ciò che udì, si sentì commosso e angosciato.

Questo racconto ci mostra che cosa significa esattamente ignorare, una parola che spesso ha un significato negativo e può farci sentire “cattive persone” per ignorare gli altri.

Ignorare significa semplicemente non permettere che parole, atteggiamenti e comportamenti dannosi di altri possano intaccare il nostro equilibrio interiore. Non è necessario ricorrere alla violenza velata o all’aggressività, è sufficiente creare un involucro protettivo intorno a noi.

Si tratta di imparare a ignorare certe persone in certi momenti, e non è neppure necessario allontanarsi da loro, perché, dopo tutto, tutti abbiamo luci e ombre. Ignorare non è una forma di vendetta o un modo per far sentire inferiore l’altro, è solo un modo per proteggerci.

3 situazioni che devi imparare a ignorare

1. Le critiche distruttive. Quando le critiche non sono destinate ad aiutarci a migliorare, ma solo a scoraggiarci e farci sentire inferiori, le dovremmo ignorare. Non lasciare che gli altri ti giudichino senza essersi prima messi nei tuoi panni, e non permettere che le loro critiche ti danneggino.

2. Le cattive azioni. Se una persona si comporta male con te non permettere che il suo comportamento alteri il tuo equilibrio psicologico, perché allora avrà raggiunto il suo obiettivo. Ricorda che può danneggiarti solo ciò a cui permetti di farlo. Se noti una cattiva azione, rivedi le tue aspettative relative a quella persona e vai avanti.

3. Le manipolazioni. Alcune persone cercheranno di controllarti attraverso la manipolazione emotiva. È importante che tu ne sia consapevole e impari a evitare i commenti che fanno leva sul tuo senso di responsabilità, il senso di colpa o anche l’affetto, per farti prendere decisioni che altrimenti non avresti preso. Quando impari a ignorare tali commenti diventi veramente libero di decidere ogni passo nella tua vita.

Costruisci il tuo scudo con la “Accettazione Radicale”

Siamo così abituati a reagire che ci arrabbiamo spontaneamente quando qualcuno si comporta male, o ci rattristiamo quando veniamo criticati. In realtà, queste reazioni sono normali, non dobbiamo pretendere di essere come il Buddha della storia, il problema è quando durano più a lungo di quanto dovrebbero e finiscono per danneggiarci.

Imparare a ignorare è un processo che richiede molta preparazione e un profondo cambiamento di atteggiamento. Anche se può sembrare un controsenso, ignorare efficacemente non significa chiudersi in sé, ma tutto il contrario: aprirsi completamente al mondo. Una tecnica molto semplice e potente per farlo è “l’accettazione radicale”.

Questa tecnica fa parte della Terapia Dialettico-Comportamentale, sviluppata dalla psicologa Marsha M. Linehan dell’Università di Washington, e si concentra nella regolazione emozionale potenziando abilità come la tolleranza all’angoscia e la piena coscienza, quindi affonda le sue radici nella filosofia buddista.

Accettazione Radicale significa accettare completamente qualcosa, senza giudicare. In pratica, molte delle cose che dicono o fanno gli altri ci danno fastidio perché non corrispondono alle nostre aspettative, in qualche modo rifiutiamo di accettare quelle parole, atteggiamenti o comportamenti. Questo rifiuto è la fiamma che alimenta la frustrazione, il risentimento, l’odio o la tristezza.

Quando si pratica l’accettazione radicale si assume semplicemente ciò che è accaduto, senza entrare in giudizi di valore. Assumendo una distanza psicologica si crea uno scudo intorno a noi che ci offre la possibilità di reagire a questa situazione così da non esserne emotivamente danneggiati.

Fonte: Robins, C. J. et. Al. (2004) Dialectical behavior therapy: Synthesizing radical acceptance with skillful means. En Mindfulness and acceptance: Expanding the cognitive-behavioral tradition (30-44). Nueva York: Gilford Press.

* Jennifer Delgado Suárez. Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole. Scopri i libri di Jennifer Delgado Suárez

ARTICOLO VISTO ANCHE SU http://tuseiluce.altervista.org/blog/un-racconto-buddista-ci-insegna/

————————————————————————————————————————–

ARTICOLO PUBBLICATO ANCHE SU https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2017/10/un-racconto-buddista-ci-insegna-che-per.html

STARE NELLA GIOIA

0
Risultati immagini per GIOIA
Abbiamo provato a stare nel dolore, nel disagio, è facile starci, quando un pensiero ti martella forte non è facile uscirne, bisogna inventarsi qualcosa che ci distragga da quel pensiero e di solito lo facciamo ma ora che siamo consapevoli dei meccanismi non evadiamo dai disagi, dalla sofferenza… stiamo lì, per assaporare, con la finalità di comprendere noi stessi, le nostre ferite e portare guarigione.
Ma adesso è giunto il momento di stare nella gioia, anche la gioia effimera di una risata leggendo una frase buffa, stiamo lì, sentiamo cosa accade al nostro corpo quando ridiamo, sentiamo come il petto si apre, secondo me le nostre costole hanno un senso dell’humor pazzesco perchè si spostano per permetterci di ridere con più gusto. Tant’è che se è un po’ che non respiriamo bene, se la risata arriva dopo che siamo stati in tensione senza fare attenzione al nostro respiro, si tossisce.
La tosse è un modo per buttar fuori un surplus di qualcosa, ridendo di gusto buttiamo fuori tutto, inconsciamente, e allora evolviamoci e utilizziamo la risata per buttar fuori consapevolmente, l’abbiamo fatto col pianto, eh si… quanto liquido abbiamo versato negli ultimi tempi… ora cominciamo a buttar fuori microbacilli di tensione, tristezza, delusione attraverso la gioia.
Stare nella gioia si può fare, è possibile, sentire dentro di se la gioia per qualcosa, o per qualcuno, o magari per noi… siamo riusciti ad avvitare l’asse del water senza distorsioni al collo, non è poco credetemi, le viti sono là sotto e non è facile…
Abbiamo trovato il posteggio nella via più intasata della città, abbiamo guidato fino a lì senza arrabbiarci, senza inveire… siamo spiritualmente evoluti… queste sono le piccole prove che arrivano, semplici quotidiane ma rendiamoci conto di che grandi passi abbiamo fatto… c’è senz’altro da provare gioia, ancor più nelle grandi prove e non sto qui a ricordarvi quali sono, non rinvanghiamo il passato ma proviamo senz’altro gioia e gratitudine anche verso di noi, ce l’abbiamo fatta, complimentiamoci con noi stessi.
Quando ciò accade proviamo gioia ed è spontaneo provare anche gratitudine, ecco cogliamo l’attimo, in quell’attimo “sentiamoci”, che senso di completezza, si apre anche il cuore, sembra che lui stesso tiri un sospiro liberatorio, “ce l’ha fatta, c’è riuscita” questo pensa il cuore. Proviamo a restare in quel momento il più a lungo possibile, scaturiscono altri pensieri per cui essere gioiosi, se si chiudono gli occhi si sente di più, proviamoci. Anche la pancia si rilassa, anche quelle pance toniche e scolpite da anni di palestra si rilassano, si rilassano dentro, nell’encefalo emotivo.
L’emozione della gioia è più di un emozione, è un tonico, e come bere a canna dalla bottiglia dell’acqua quando si ha molta sete, una goduria! Ascoltiamo la mente, anche lei si rilassa e non chiacchiera più, è sospesa, in ascolto di quell’attimo che diventa minuti, è bello sentirsi così, è come essere innamorati al terzo giorno dall’incontro, beatitudine, è come tornare bambini, quando provavamo gioia per nulla, eravamo gioia. Facciamola durare più che possiamo questa gioia, assaporiamola e torneremo ad essere gioia.
Sentiamo anche la pelle come si distende, i pori si aprono alla gioia, la respirano, a questo punto siamo gioia, cerchiamo di mantenerci in questo stato meditativo, più spesso lo faremo più entrerà nella nostra capocciona dura, più sarà facile riprodurla anche se non abbiamo un motivo esterno, più entrerà nelle cellule, nella nostra memoria cellulare, più ci trasformeremo in gioia. La gioia va a braccetto con la gratitudine anzi se mettiamo attenzione possiamo sentire che la gioia è figlia della gratitudine, c’è un velo impalpabile che le divide ma se prestiamo attenzione sentite come sono collegate, come siano gemelle, gioia e gratitudine, gratitudine e gioia, ognuno ha il suo sentire, sperimentate!
Lo so non sto scrivendo nulla di nuovo, si sa, esiste anche lo yoga della risata e tante tecniche legate alla gioia, ma mi piace ricordarlo, lo sappiamo bene che ci facciamo prendere dal vortice del quotidiano e ci dimentichiamo di noi… non facciamo i furbi… l’imperfezione è perfettibile come l’impossibile è possibile, l’importante è CREDERCI, come dice il mio amico giullare Walter Klinkon,  ed aggiungo… l’importante è Crederci con Gioia, la gioia, la gratitudine… sono Amore per noi stessi!
Namastè
Om Shanti Amen
Patrizia di Visione Alchemica
Testi di Visione Alchemica

SAVED BY THE LIGHT(OLTRE LA VITA): UN’INTERESSANTE FILM DEL 1995 SULLE ESPERIENZE DI PRE-MORTE

0

Di Salvatore Santoru

Oltre la Vita“(Saved By The Light) è un’interessante film(1) incentrato sulle cosiddette “esperienze di pre morte“(2).

Ritorno dall'Aldilà
La vera storia di un uomo morto due volte e delle grandi rivelazioni che ha ricevuto

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

€ 13.5

Tale film,che vede nel suo cast noti attori statunitensi come Eric Roberts(3), è stato prodotto nel 1995 ispirandosi all’omonimo libro(4) di Dannion Brinkley(5).
Nel video pubblicato qui sopra, vi è il completo film in italiano come andato in onda diversi anni fa su Rai 2.

Risultati immagini per save by the light film eric roberts

Su questo blog, tempo fa era stata ripresa anche una recensione allo stesso film(6).

NOTE:

(1)https://en.wikipedia.org/wiki/Saved_by_the_Light_(film)

(2)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2016/03/che-cose-una-esperienza-pre-morte.html

(3)https://it.wikipedia.org/wiki/Eric_Roberts

(4)https://en.wikipedia.org/wiki/Saved_by_the_Light

(5)https://en.wikipedia.org/wiki/Dannion_Brinkley

(6)https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2016/01/oltre-la-vita-il-film-sulle-esperienze.html

 

ARTICOLO PUBBLICATO ANCHE SU https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2016/10/saved-by-lightoltre-la-vita-un-film.html

E SU http://misteroecuriosita.altervista.org/saved-by-the-lightoltre-la-vita-uninteressante-film-del-1995-sulle-esperienze-pre-morte/

E  http://misteriecurosita.blogspot.it/2016/10/saved-by-lightoltre-la-vita.html

I 18 PRINCIPI DEL DALAI LAMA PER UNA VITA MIGLIORE

0

dalailama2

Se non riflettiamo in maniera corretta,se siamo troppo miopi,se i nostri metodi mancano di profondità e se non consideriamo le cose con uno spirito aperto e sereno,trasformiamo in grosse difficoltà quelli che all’inizio erano soltanto problemi insignificanti.(Dalai Lama).



I 18 principi del Dalai Lama per una vita migliore

1– Tieni sempre conto del fatto che un grande amore e dei grandi risultati comportano un grande rischio.

2– Quando perdi, non perdere la lezione.

3– Segui sempre le 3 “R”:

Rispetto per te stesso.

Rispetto per gli altri.

Responsabilità per le tue azioni.

4– Ricorda che non ottenere quel che si vuole può essere talvolta un meraviglioso colpo di fortuna.

5– Impara le regole, affinché tu possa infrangerle in modo appropriato.

6- Non permettere che una piccola disputa danneggi una grande amicizia.

7- Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente qualcosa percorreggerlo.

8- Trascorri un po’ di tempo da solo ogni giorno.

9- Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori.

10- Ricorda che talvolta il silenzio è la migliore risposta.

11- Vivi una buona, onorevole vita, di modo che, quando ci ripenserai da vecchio, potrai godertela una seconda volta.

12- Un’atmosfera amorevole nella tua casa dev’essere il fondamento della tua vita.

13- Quando ti trovi in disaccordo con le persone a te care, affronta soltanto il problema attuale, senza tirare in ballo il passato.

14- Condividi la tua conoscenza. E’ un modo di raggiungere l’immortalità.

15- Sii gentile con la Terra.

16- Almeno una volta l’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima.

17- Ricorda che il miglior rapporto è quello in cui ci si ama di più di quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro.

IL PENSIERO COME RISORSA E COME LIMITE

0

Risultati immagini per pensiero

Di Salvatore Santoru

Ultimamente si parla molto della cosiddetta forza del pensiero, ovvero la capacità che hanno i nostri pensieri nell’influenzare la percezione della realtà o gli stati d’animo.
Molte teorie, siano esse di stampo spirituale che psicologico, si focalizzano sull’importanza del “pensiero positivo” e del controllare, per quanto possibile, il fluire solitamente caotico dei pensieri.
Per quanto possano essere considerate troppo semplicistiche, c’è da segnalare che esse hanno indubbiamente del vero, in quanto com’è noto il pensiero può essere sia una risorsa che un limite, e lo stimolarlo in modo positivo o negativo influisce indubbiamente nella realtà e nella percezione che si ha di essa.

Un’esempio di ciò può essere fatto pensando alle cosiddette “ruminazioni mentali“, le quali solitamente sorgono in seguito a episodi di frustrazione, sensi di colpa o eventi negativi, e, se non controllate, si “cristallizzano” e diventano sintomi di depressione, perdendo il carattere difensivo che avevano originariamente.

Difatti, il continuo stimolare il pensiero in direzione negativa come in tale caso, porta alla “ritualizzazione” di un’atteggiamento negativo e alla sua incisione nel presente, mentre lo stimolare il pensiero in direzione positiva porta a un’attitudine positiva, anche se c’è da dire che ciò non ha valenza assoluta, visto che nella formazione degli stati d’animo entrano in gioco anche molti altri fattori.
Oltre a questo, bisogna ricordare che ovviamente il pensiero costituisce una risorsa eccezionale nel risolvere, superare e sublimare determinati ostacoli, nonché ai fini della creatività e del progresso individuale e collettivo, mentre un suo uso “sbagliato” può costituire eccessivi limiti e problemi, solitamente maggiori rispetto a quelli tangibili.
Come in molte altre attività umane, l’importante non è pensare troppo poco o molto, ma farlo nel modo più funzionale possibile e senza venirne ingabbiati.

LA MENTE E LE ONDE-PENSIERO

0
 Risultati immagini per La mente e le onde-pensiero PENSIERO POSITIVO BLOG ALTERVISTA
La mente sembra intelligente e conscia.… non è così. E’ soltanto uno strumento di conoscenza che abbiamo a disposizione.



La conoscenza o percezione che abbiamo delle cose è un’onda-pensiero nella mente, che noi dobbiamo controllare, perché ciò che accade comunemente è che se l’onda-pensiero è piacevole, noi diciamo “io sono contento” e se l’onda-pensiero è spiacevole, noi diciamo “io sono infelice”.  Ma questa identificazione è falsa ed è causa di ogni nostra infelicità.
Infatti la conoscenza o percezione che noi abbiamo di ciò che viene dal mondo esterno, è solo quella materiale e tangibile propria del livello più macro. Ma, ad un livello più micro, vediamo che anche la materia corrisponde all’immateria. Questo concetto apparentemente astratto trova invece fondamento nella scienza, ed in particolare nella fisica subatomica che da Albert Einstein in poi riconosce che anche la materia apparentemente più fissa e stabile è composta da particelle, cui la meccanica quantistica ha tolto definitivamente l’aspetto classificabile come “materiale”, definendole onde. Perciò noi stessi, al pari di un sasso, siamo fondamentalmente immateriali, senza fissità, e costituiti da onde. Quello che compare ai livelli più grossolani della materia e cioè il mondo nelle sue manifestazioni fisiche è solo la superficie di una verità molto più complessa.
Analizzando le cose e il mondo in termini subatomico-quantistici la stessa fisica e meccanica ci dicono che non esiste nulla che abbia un’esistenza concreta e reale di per sé. Questo modo scientifico di avvicinarci, interpretare e vivere le cose e il mondo che ci circonda, ricorda quanto la mente impalpabile e le onde-pensiero che l’attraversano sono inconsistenti quanto l’apparenza e vacuità stessa del mondo, universo e cosmo. Con questa consapevolezza noi dobbiamo arrivare a controllare le onde-pensiero in modo da non identificarci (come già detto), in false credenze che sono l’origine della nostra infelicità. In definitiva la vera “felicità” è raggiungere la calma della consapevolezza che tutto è apparenza e vacuità, niente è come sembra.
Le apparenze che compongono la nostra realtà materiale possono essere percepite o conosciute dalla nostra mente, come pure o impure. Le apparenze pure sono quelle percepite dalle persone che hanno riconosciuto la natura impalpabile della mente e della sua attività, uguale a quella stessa natura vacua dei fenomeni esterni che vediamo, tocchiamo, ecc. Queste persone sono consapevoli, non si fissano sulle apparenze, sono mentalmente libere da ogni forma di attaccamento (brama, desiderio, possesso, ira, collera, dolore, delusione, ecc). Queste persone sono mentalmente libere dal proprio ego-ismo, cioè dall’identificazione erronea dell’ego con le illusorie onde-pensiero, e questa libertà permette loro anche di aprirsi agli altri e comprenderli.
Le apparenze impure sono quelle percepite dalle persone ordinarie che credono, sbagliando, alle apparenze relative che compongono il mondo fuori di loro e le scambiano per qualcosa di distinto dalla propria mente. Invece, siamo noi che crediamo che quel tal evento sussista al di fuori di noi con un significato positivo o negativo, e l’onda-pensiero da noi creata in questo modo, induce il nostro io a identificarcisi, facendoci credere erroneamente che “io sono felice/infelice per quel fatto”.
E’ senz’altro difficile imparare a controllare le proprie onde-pensiero, perché siamo stati abituati a vivere in questo mondo fatto di dualità: bene/male, brutto/bello, cattivo/bravo, giorno/notte, luce/buio… Questo procedere per alternative ci rende difficile non interpretare il mondo e le cose che ci capitano in un senso o nell’altro, con i conseguenti stati emotivi che ciò comporta. La difficoltà sta anche nella stratificazione nel tempo che certi stati emotivi hanno calcificato a causa del percuotersi e ripercuotersi di certe onde-pensiero, creando così in noi anche delle strutture di personalità, il carattere. Onde-pensiero negative per es., possono a lungo andare fissare nella persona malessere e brutto carattere. Queste onde-pensiero, però, possono essere controllate e indirizzate diversamente, facendo anche, nel lungo periodo migliorare le tendenze caratteriali negative della persona. Ci vuole tempo, intenzione e perseveranza, ma è possibile.
Come posso controllare e cambiare le mie onde-pensiero?
Condizionati dall’abitudine possiamo reagire in modo positivo o negativo.
Se siamo abituati a stati mentali negativi, ovvero a reagire alle situazioni senza consapevolezza né presenza mentale né controllo, senza portare energia positiva (cioè onde-pensiero di amore, generosità, comprensione e verità), avremo depressione, rabbia, paura, collera, desiderio di vendetta e tanta sofferenza.
Se invece siamo abituati a stati mentali positivi, o con intenzione decidiamo incondizionatamente e con vera sincerità di pensare e comportarci positivamente, ovvero ci abituiamo a generare pensieri e azioni coltivando la presenza mentale, la centratura sulla calma, la gentilezza e l’amore, possiamo invertire le nostre emozioni negative, vivere meglio, affrontando con mente sgombra e serena anche problemi, situazioni difficili e dolori.
Ciò significa liberarsi dall’attaccamento alle cose materiali, che si manifestano così come sono, centrarsi sul qui ed orapadroneggiando l’esperienza del momento senza influenze emotive del passato o del futuro. E’ un percorso non semplice che richiede motivazione, intenzione vera e vera fiducia e credenza. Si può fare. E’ una scelta. E come ogni scelta porta con sè le rispettive conseguenze: una scelta positiva, o meglio fatta con positività, porta conseguenze positive (anche quando all’apparenza ciò può non sembrare). Al contrario, una scelta negativa, ovvero fatta con negatività, porterà conseguenze negative. Energie e vibrazioni positive, portano energie e vibrazioni positive. Scegliere è una nostra responsabilità.
Ma il mondo esteriore, come detto in apertura, le cose che percepiamo e conosciamo, anche nei loro aspetti più belli sono comunque transitori. Sia le cose belle che le brutte sono superficiali e transitorie. Per questo la vera calma è sapere che tutto è vacuità.
Pertanto, quando con la pratica e la disciplina spirituale o mentale (che dir si voglia) avremo offerto onde-penierso di amore, comprensione, generosità, verità, in sostituzione di quelle di collera, ira, desiderio, delusione, ecc., anche le onde-pensiero positive dovranno man mano essere neutralizzate in una visione di calma interiore per così dire “neutra”. E solo allora potremo con presenza e centratura scegliere come orientare questo nostro viaggio nella vita ordinaria, nella vera consapevolezza di quanto sin qui consolidato. Potremo allora liberamente scegliere il bene o  il male (consci comunque di permanere in mete terrene e caduche, che secondo l’interpretazione propria della spiritualità orientale coincidono con la perpetuazione di un karma attraverso il samsara) o l’illuminazione (in vista di mete spirituali e di una realizzazione ascetica più alta secondo le proprie mire ed attitudini).
Per quanto ci affanniamo, saremo ricompensati solo secondo i nostri desideri: ciò che conta sono le nostre intenzioni. Se vogliamo perseguire una calma illuminata, la otterremo; se vogliamo solo piaceri e potere li otterremo; se vogliamo perseguire il male, avremo il male. L’opportunità è in mano nostra.
“La mente dell’uomo illuminato è calma, non perché sia egoisticamente indifferente ai bisogni altrui, ma perché conosce la pace che è in ogni cosa, anche dove in apparenza c’è miseria, lotta, malattia  e bisogno.”(2)
Questa attitudine alla calma interiore, ricercata con sincera e fiduciosa pratica e pensiero, si raggiunge superando l’attaccamento a desideri e bisogni. Il non attaccamento ci rende liberi e padroni di noi stessi, non più in balia delle emozioni. Il non attaccamento ci permette di discriminare il reale e l’immaginario.
Superare l’attaccamento richiede tempo e non è detto si raggiunga subito, né facilmente. Non è una pratica di austerità o pena, ma una pratica di riconoscimento, analisi e distacco dalle cose materiali che ha bisogno anche di preparazione e sincera disposizione a farlo. L’esito sarà la libertà da desideri e bisogni immaginari, senza rinunciare a ciò che è veramente importante per noi: la centratura, l’equilibrio, la calma interiore. Ogni nostro sforzo in questa direzione, anche il più piccolo, anche quando ci sembrerà di non farcela, non sarà inutile, mai, neppure quando ci sembrerà di aver fallito. Bisogna provare, aver fede, metterci energia. Nessuno sforzo sarà sprecato.
La nostra vita temporale di esseri mortali, veicola un’anima o spirito, attraverso il corpo fisico che “sta” dentro un’esperienza materiale.Perciò la disciplina fisica e l’espressione corporea sono tanto importanti nell’allineare la mente su di un’unica centratura, o unione mente/corpo. Pertanto, come già si diceva, non sono solo importanti un’impostazione mentale  e una disposizione spirituale, ma anche una pratica, cioè anche azioni che vadano nella direzione scelta. Di qui la possibilità di scegliere se impegnare il proprio corpo e canalizzare anche l’energia fisica nello sport, arti marziali, yoga, corsa, nuoto, passeggiate, ecc. e impegnarci in occupazioni zen o similari (coltivazione di bonsai, giardini, costruzione di mosaici, ricamo o altro…), allo scopo di predisporre anche il corpo e non solo la mente alle nuove aperture ed orizzonti di vita.
Riferimenti bibliografici:
1. Capra Fritjof, Il tao della fisica, Adelphi
2. Prabhavananda Swami., Isherwood Christopher, Aforismi yoga di Patanjali, Ed. mediterranee
3. Dzogchen Ponlop, La mente oltre la morte, Ubaldini editore
4. Pierre Crepon, Dizionario della spiritualità orientale, Gremese Editore

LE PROPRIETA’ E I BENEFICI DEL LUPINI

0

Risultati immagini per LUPINI

Quella dei lupini, nome scientifico Lupinus albus, è una pianta annuale che può raggiungere un’altezza di 1,5 metri appartenente alla famiglia delle Fabaceae.Si seminano in autunno, da ottobre a novembre e giungono a maturazione generalmente a luglio.

I lupini crescono in modo spontaneo nelle zone incolte lungo le coste del mediterraneo ed hanno la particolarità di crescere e prosperare anche in terreni acidi.
Le prime coltivazioni di questo interessante legume si fanno risalire fino a 4.000 anni fa ed anche greci e romani lo conoscevano tanto che se ne trova menzione in alcune opere di Orazio e di Ippocrate.
Come è successo per il kamut anche i lupini sono stati riscoperti e rivalutati, questo grazie ai recenti studi che ne hanno confermato le buone proprietà salutari ed i benefici per l’organismo.

Composizione Chimica

I lupini sono composti per il 10% circa da acqua, da carboidrati, il 36% da proteine, il 3,2% da ceneri ed il 9,5 % da grassi.
Questi i minerali presenti: calcio, fosforopotassiozinco, manganese, rame, sodio, selenio, magnesio e ferro.
Queste le vitaminevitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6 e vitamina C.
Gli aminoacidi sono l’acido glutammico e l’acido aspartico, arginina, alanina, cistina, glicina, fenilalanina, leucina, lisina, isoleucina, metionina, prolina, treonina, tirosina, valina, triptofano, istidina e serina.

Proprietà e Benefici dei Lupini

 

 

  • Energetici: i lupini rappresentano soprattutto un alimento in grado di fornire un grande apporto energetico all’organismo, si pensi che le proteine presenti nei lupini corrispondono a 38 grammi ogni 100 di prodotto, quantità paragonabile a quella della carne e superiore a quella delle uova. Ecco quindi che questilegumi diventano un’ ottima alternativa alle proteine di origine animale.
  • Digeribili: oltre ad avere buone proprietà nutrizionali risultano avere un’ottima digeribilità ed un apporto praticamente pari a zero per quanto riguarda il colesterolo.
  • Ipertensione: recenti studi hanno confermato le loro proprietà benefiche nei confronti del cuore. Il consumo abituale di lupini previene l’ipertensione , grazie alle proprietà di una sostanza chiamata tocoferolo, sono stati registrati beneficinella prevenzione del diabete tipo 2 e del tumore al colon.
  • Abbassano il colesterolo: sono una buona fonte di fibra alimentare che impedisce l’assorbimento dei grassi a livello intestinale con una conseguente riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue.
  • Stitichezza: sempre grazie al buon contenuto di fibra alimentare i lupini aumentano la motilità intestinale normalizzando il processo digestivo. Sono quindi utili per prevenire la stitichezza, la nausea ed il vomito.
  • Malattie cardiovascolari: l’arginina presente in questi legumi ha effetti beneficisulle pareti interne dei vasi sanguigni contribuendo in modo positivo alla funzione endoteliale. La disfunzione endoteliale infatti è una delle prima cause delle malattie cardiovascolari che possono portare a sviluppare aterosclerosi, ipertensione, infarto ed ictus.
  • Omega 3: tra i benefici apportati da questi legumi dobbiamo ricordare anche quelli apportati da un buon apporto di fibra e dalla presenza degli acidi grassi essenziali Omega 3 e Omega 6, indispensabili per la nostra salute e non sintetizzabili dal nostro organismo.
  • Sistema Immunitario: i lupini contengono una buona quantità di zinco, questominerale aiuta il sistema immunitario e stimola il recupero in caso di infezioni.
  • Fanno bene ai muscoli: la buona percentuale di magnesio presente nei lupinipromuove la salute muscolare, cuore compreso. Il magnesio infatti regola l’attività delle cellule nervose che controllano i movimenti nei muscoli.
  • Salute delle ossa: grazie al buon contenuto di magnesio che garantisce l’assorbimento di calcio da parte delle ossa ne assicura anche il mantenimento della densità.

Altri Usi dei Lupini

Il lupino ricopre un ruolo interessante anche nell’alimentazione dei celiaci in quanto questo legume non contiene glutine e può quindi essere utilizzato da chi ha problemi di intolleranza.
Attualmente la farina prodotta con i lupini viene già utilizzata per produrre pane, biscotti e pasta, mentre, in tempi antichi il lupino veniva impiegato dalla medicina per curare la scabbia e l’eczema.
Probabilmente in un futuro molto prossimo i lupini si potranno utilizzare per la preparazione di prodotti sostitutivi di latte, yogurt e gelati, un po’ come avviene già oggi per la soia ed il riso i cui derivati vengono utilizzati dagli individui allergici al latte ed ai suoi derivati.

Lupini e Calorie

100 grammi di lupini hanno una resa calorica pari a 371 calorie.

Controindicazioni

lupini potrebbero scatenare reazioni allergiche negli individui allergici alle arachidi. In questo caso si sconsiglia di consumarli.
FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://www.mr-loto.it/lupini.html

I 100 MODI PER VIVERE UNA VITA MIGLIORE

0
Risultati immagini per Vita Migliore
I 100 Modi per Vivere una Vita Migliore – La tua vita non ti soddisfa in pieno? Cambiala! Cambia la tua vita per il meglio! Non sai bene come farlo?
Ecco una lista delle 100 maniere con cui puoi migliorare la tua vita.




 Sentiti libero/a di aggiungerne altre.
1- Accetta i tuoi Errori
Sei umano/a. In quanto umani, compiamo errori. Accetta ciò che hai sbagliato e cerca di fare meglio la prossima volta.
Non c’è bisogno di punirti in eterno. L’unico modo, infatti, per far sparire i tuoi errori, è accettarli.
2- Accetta gli Errori dei tuoi AmiciForse qualcuno ti ha ferito. Succede. Accettalo e affrontalo. Le persone compiono errori e se puoi accettare questo per te, accettalo anche per i tuoi amici. Alla fine, ciò di cui hai bisogno da loro, è il loro amore.
3- Crea una Nuova AbitudineFacciamo moltissime cose con il pilota automatico. In questa categoria cerca di integrare le cose nuove che vuoi attrarre nella tua vita. Le abitudini sono potenti. Imbriglia la loro energia per il tuo bene. E se ne hai bisogno inizia a interrompere una abitudine disfunzionale in 7 giorni (vedi la nostra newsletter di dicembre scorso).
4- Costruisci l’Auto-DisciplinaNon aspettare che gli altri ti impongano la disciplina. Incomincia prima. Createla da solo. Può suonare un po’ severo, ma l’autodisciplina ti facilita molte cose nella vita. È difficile da ottenere, ma eccezionale da possedere.
5- Fatti nuovi amiciAllunga una mano. Non avere paura. Stabilisci nuovi contatti. La cosa peggiore che ti può capitare è che tu venga rifiutato/a. Se succede, vai avanti. La ricompensa di nuove amicizie sincere e durature vale qualsiasi potenziale rifiuto.
6- Trova un Lavoro NuovoScuotere la tua zona di comfort creerà molto valore nella tua vita. Se non sei soddisfatto/a del tuo lavoro attuale, trovane uno nuovo. L’ostacolo di non avere soldi per un periodo limitato è solo temporaneo, vai oltre.
7- Incomincia a nutrirti in maniera diversaSu ampia scala, sei fatto di ciò che mangi. Una nuova alimentazione potrebbe essere spesso l’unico cambiamento necessario per dare maggiore carica alla tua energia ed alla tua salute. Aumenta il cibo crudo e vegetariano nella tua alimentazione fino a farlo diventare predominante.
8- Tieni un DiarioScrivi le tue sensazioni, le tue idee, i tuoi obiettivi, le tue attività. Tenere un diario è una delle azioni più utili per cambiare in meglio la propria vita. Lavora in modo silenzioso ed efficace. Quello che ti serve è solo carta e una penna.
9- Crea e Mantieni una Frase del GiornoQualsiasi cosa tu ti dica la mattina, quasi sempre finisce che si avvera durante il giorno. Perchè non avvantaggiartene? Crea una frase del giorno e ripetila a te stesso/a appena ti svegli. È davvero così facile.
10- Fai un viaggio lontano da casaViaggiare sulle lunghe distanze dà delle ricompense incredibili. È eccitante e pieno di eventi imprevedibili. E’ anche un messaggio simbolico per l’inconscio: stai dichiarando a te stesso/a di essere pronto/a ad esplorare nuovi territori.
11- Impara ad Assumerti dei RischiLa tua vita può essere noiosa e grigia perchè…ehmm, sei tu che l’hai resa così? Quando è stata l’ultima volta in cui sei davvero uscito/a dalla tua zona di comfort? Quando è stata l’ultima volta che hai fatto qualcosa di difficoltoso? Quando è stata l’ultima volta in cui hai sfidato le circostanze facendo qualcosa di rischioso? Fallo adesso.
12- Fai partire un tuo BusinessSii il tuo capo. Decidi tu la durata del tuo lavoro. Lo so, suona futile per chi odi a il suo lavoro ma stai lì a causa del mutuo. Beh, a meno che non sia tu a compiere il primo passo, niente cambierà. Questo è certo.
13- Rinnova il posto dove lavoriMetti in ordine la tua scrivania. Risistema i mobili. Aggiungi colore a quello spazio. Rendi il posto dove lavori attraente ed accogliente. Così attraente da non percepire più il lavoro lì come un lavoro, ma qualcosa che ti piacerà fare.
14- Impara una Nuova LinguaLancia una sfida alla tua mente. Di continuo. Se farai anche quello descritto al punto 10, imparerai anche nuove lingue. Imparare una nuova lingua apre la mente in modo fantastico.
15- Cerca dei Motivi per andare d’accordoMeglio che essere in disaccordo. Ci portiamo dietro un palcoscenico mentale di competizione che ci fa litigare di continuo. Beh, basta. Non devi obbligarti ad essere d’accordo, se non è il caso; cercare qualche ragione in più può essere sufficiente.
16- Ricompensati per primo/aNon puoi dare qualcosa se non ce l’hai. Non puoi diffondere luce agli altri se non proviene da dentro di te. Non puoi dare prosperità agli altri se non l’hai tu per primo/a. Fatti un regalo e ricompensati per primo/a.
17- Svegliati prestoNon è un’abitudine, è uno stile di vita. Non svegliarti presto senza uno scopo. Arriva prima, arriva prima degli altri. Cerca le opportunità ed abbracciale. Svegliarti prima significa tenere gli occhi aperti per ogni opportunità disponibile.
18- Allena il Tuo FocusIl tuo focus è la tua realtà. Usalo saggiamente. Allenalo sempre perchè esalterà la tua realtà in maniere che non avresti potuto immaginare. Aguzza il tuo focus e sii pronto/a a sperimentare la vita in forme e colori fantastici.
19- Inizia un BlogL’argomento è a tua scelta. Non solo questo ti darà la possibilità di creare qualcosa di nuovo e di valore, ma porterà anche persone nuove nella tua vita. Tenere un blog è molto di più di una stravaganza, è uno strumento per lo sviluppo personale. Uno dei migliori.
20- Scrivi un E-BookPotresti pensare di non avere talento, questo è sbagliatissimo. E la maniera migliore per provare che sia sbagliato è quella di scrivere un e-book. Uno qualsiasi. Scegli l’argomento. Potrebbe essere qualcosa che conosci o qualcosa che vuoi imparare. Scrivilo. È divertente.
21- Sii migliore, non perfetto/aVoler raggiungere la perfezione a tutti i costi ti rovinerà la vita. Darà un colpo di spugna a tutte quelle piccole imperfezioni che ti rendono… umano/a. Essere migliore, d’altra parte, dà le sue ricompense. Voltati ad osservare il/la te di ieri e dì: Sono meglio!
22- Smetti di Auto-SabotartiTi sorprenderai di quanto tu possa essere un peso per te stesso/a. Letteralmente, ti stai auto-sabotando. Inconsciamente, per la maggior parte del tempo. Se dietro di te hai una lunga storia di fallimenti, può voler dire che sei diventato/a il/la tuo/tua peggiore nemico/a. Smettila.
23- Trova dei Motivi per Amare la tua VitaForse la vita non è stata giusta con te. Ci siamo passati tutti: la vita non è mai giusta. Ma è fantastica. Unica, irripetibile, bellissima, semplice, confrontante, dolce, difficile… fai un passo indietro e trova le ragioni per amarla.
24- Fai qualcosa di nuovoForse sei triste perchè ti annoi. Ci hai mai pensato? Datti una mossa e fai qualcosa di completamente nuovo. Cerca una sfida, impara uno sport nuovo, vai in un ristorante diverso o vai a vedere un film comico (se sei un tipo da film drammatico). Fallo… adesso!
25- Evita lo ScontroI litigi sono il maggiore spreco di energia del tuo essere. Cercare di provare che un’altra persona ha torto è contro la tua vera natura. Sei qui per riconoscere le meraviglie della vita, non per provare che qualcun altro ha torto. Non hanno torto, hanno soltanto opinioni diverse dalle tue. E questo è parte della vita.
26- Smetti di Sprecare il tuo PotereStai facendo qualcosa pensando che non dovrebbe essere il momento di farla?
Continui a lamentarti di ciò che non va invece di usare il tuo tempo e la tua energia per creare i cambiamenti che desideri? Questo, per esempio, è potere sprecato. È solo roba insignificante che ha il privilegio di far parte della tua vita. Per quanto tempo ancora ti andrà bene così? Perché sprecare potere?
27- Impara ad IgnorarePenso che questo dovrebbero insegnarlo a scuola. Ci focalizziamo su talmente tante cose e pensiamo di dover fare così tante cose, da ritrovarci letteralmente intasati di impegni. Fare cose va bene, ma sono tutte così importanti? Impara ad ignorare le cose non necessarie e a focalizzarti invece sulle attività davvero importanti per te e per la tua vita.
28- Sperimenta la GratitudineQuando è stata l’ultima volta che hai detto “grazie”? Con tutto il tuo cuore? Tutti sappiamo che un atteggiamento di gratitudine è la chiave del successo, ma quasi nessuno lo mette in pratica. Bene, come punto di partenza incomincia a praticare la gratitudine.
29- Ricicla la tua AggressivitàNon buttarla via, riciclala! Trasformala in assertività e usala per ottenere qualcosa che vuoi sul serio! Richiama a te quelle forze indomite e falle lavorare per renderti più disciplinato, più focalizzato, più determinato. L’aggressività è parte del tuo essere, quindi non cercare di rifiutarle perché questo le renderebbe ancora più forti. Ricicla la tua aggressività.
30- Lascia andare i tuoi GuardianiNon toccarlo! Non mangiarlo! Lascia perdere quell’opportunità! Questi sono esempi di frasi che senti quando ti muovi per ottenere qualcosa che vuoi davvero. Sono i tuoi guardiani, le tue costruzioni mentali fatte apposta per proteggerti. Lasciale andare, starai meglio senza.
31- Pulisci la Tua CasaÈ divertente. Ed è buono per te. Fai diventare un’abitudine il fatto di pulire con gioia e felicità la tua casa. Quello che è al di fuori è uno specchio di quello che c’è dentro. Se la tua casa è il regno del caos, probabilmente la tua vita interiore è un disastro. Metti via quella roba, è facile.
32- Scrivi la tua Missione PersonaleSei qui per un motivo. Non ha importanza quanto tu ti senta insignificante ora, o quanto ti facciano sentire insignificante gli altri, tu hai uno scopo. Prenditi del tempo per trovare e scrivere la tua Missione Personale. Darà luce e direzione alla tua vita. Questo infatti è un lavoro che facciamo nel corso Il Fuoco del Cambiamento e abbiamo visto come migliaia di persone abbiano ritrovato passione e soddisfazione nella propria vita.
33- Dissolvi le opinioni negative che hai su te stesso/aQualsiasi cosa pensi che potresti fare, è solo la metà di quello che puoi fare veramente. E questo succede a causa di tutte quelle opinioni negative che hai su di te. Le puoi risolvere. Accetta il fatto che le hai e inizia a lavorarci sopra.
34- Costruisci Altre CapacitàNon smettere di imparare. Non rimanere bloccato in una carriera sola, è noioso e limitante. Impara altre capacità, se possibile in campi diversi e scollegati fra loro. Non puoi sapere se e quando la vita ti chiederà di esercitarle. Inoltre, è molto divertente.
35- Gestisci il tuo Tempo nel modo in cui gestisci il tuo DenaroHai mai pensato come sarebbe se tu gestissi il tuo tempo nello stesso modo in cui gestisci il tuo denaro? Provaci. Analizza come spendi il tuo tempo, qual è il ritorno dell’investimento e quanto sei ricco/a in termini di tempo.
36- Fai EsercizioNon è necessario che tu infranga il record mondiale, o cose del genere. Assicurati semplicemente di fare esercizio con regolarità. Renderà più sano il tuo corpo e più elastica la tua mente. È anche una delle maniere più economiche e semplici per migliorare la tua vita.
37- Sii GenitoreEssere genitore non significa automaticamente avere dei figli. Puoi essere genitore di un progetto, di un libro, di esseri (persone o animali) che hanno bisogno del tuo aiuto. E avere dei figli non significa automaticamente essere genitore. Essere genitore cambierà di certo la tua vita, per sempre, riempiendola di amore incondizionato, eterno e di calde e affettuose sensazioni. Vivrai nell’amore. Ed imparerai.
38- Ogni giorno butta via un oggetto da casa tuaForse la tua vita sta respirando a fatica perché è soffocata dagli oggetti. Impara a lasciarli andare. Li puoi regalare, darli in beneficenza o buttarli via, ma non permettere che il disordine ti stia tra i piedi. Tu non sei le cose che possiedi.
39- Leggi un Libro alla SettimanaO, in alternativa, una selezione di blog. Manterranno la tua mente ed il tuo focus vigili e pronti. Leggere è dare del buon cibo al tuo cervello; senza di esso il cervello si impigrisce, ingrassa e diventa apatico. Ma con il cibo adatto può diventare il tuo migliore amico.
40- Accetta una Sfida al MesePuò essere fisica, mentale o sociale. Prenditi l’impegno di acquisire qualcosa di nuovo nei prossimi 30 giorni. Migliora la tua salute per mezzo di nuovi metodi, o le tue relazioni incominciando insieme qualcosa di nuovo. Fà che questa sfida conti. E contaci.
41- Chiama un amico/amica di vecchia dataIncontrare qualcuno con cui non parli da tempo è illuminante. Fallo adesso, chiama un amico o un partente che non senti da tempo. Ti torneranno in mente ricordi e creerai nuove opportunità. Non lasciare che la polvere si depositi sulle tue relazioni.
42- Segui una CoincidenzaOk, le coincidenze non esistono, ti ho detto una bugia. Ogni cosa ha il suo scopo. Se ti capita di imbatterti in qualcosa che ha tutta l’aria di sembrare una coincidenza, sei fortunato/a, hai appena ricevuto un segno. Seguilo con fiducia, sarà la tua buona guida.
43- GiocaGioca a qualsiasi gioco. Gioca. Come un bambino. Permettiti di fare qualcosa solo perché è divertente, senza dare nessun obiettivo, pressione o scadenza. Questo ti aiuterà a comprendere che tutto è un gioco. A volte un po’ più difficoltoso del solito, ma rimane un gioco.
44- Perdona qualcuno, inaspettatamenteNon continuare ad avercela per quell’offesa di tanto tempo fa. I risentimenti pesano e hanno la tendenza a rallentare le partenze verso una nuova vita. Più a lungo mantieni il risentimento, più sarà difficile decollare verso la tua nuova vita. Il perdono ti permetterà di alleggerire il carico, per questo sia nel corso di Tutta un’altra vita che in quello di Louise Hay lavoriamo così a fondo sul perdono. Il perdono ci rende liberi e ci permette di aprirci all’amore.
45- Smettila di Risolvere i Problemi SbagliatiOgni problema è una opportunità per crescere. Ma la maggior parte dei nostri problemi sono pseudo-problemi, se li analizziamo onestamente scopriamo che ce li siamo creati da soli e allo stesso modo possiamo scioglierli. Sei qui per goderti un viaggio, per diventare consapevole. Quindi smettila di risolvere i problemi sbagliati e concentrati su ciò che è davvero importante.
46- Rappacificati con un vecchio nemicoQuesto è più del perdono, è un reale processo di ribaltamento di una situazione. Fai pace con qualcuno, fallo diventare tuo amico; non dico che sia facile, dico anche che funziona davvero. I nemici contano poco, gli amici contano tanto.
47- Prometti qualcosa a chi ti è vicino e mantieni la promessaNon deve essere necessariamente qualcosa di grande, per qualcuno di necessariamente speciale. E non deve nemmeno essere difficile. Deve essere un impegno verso qualcuno. Mettiti in moto, fai la tua promessa, mantienila e goditi le sensazioni che ne verranno.
48- Scegli i tuoi amiciForse sei amico/a di qualcuno solo per abitudine, o per sensazioni che sono ormai morte da tempo o per un dovere sociale. Smettila. Non hai bisogno di giudicare questa persona, di sentirti superiore o inferiore per farlo. Magari siete semplicemente molto diversi e in questo momento della vostra vita avete diversi valori e obiettivi. Si dice che diventiamo come le persone che frequentiamo di più. Guardati attorno. Come vuoi diventare?
49- Ottieni qualcosa che desideri da tempoMa per cui non avevi il denaro o il tempo per concedertela. Esci e valla a prendere. Non solo questo aumenterà il rispetto che hai per te stesso/a, sgombrerà anche il canale dei desideri, che potrebbe essere leggermente intasato da quel solo, unico desiderio che è lì da tanto tempo.
50- Smetti di dare giudiziSugli altri e su di te. L’eccesso di critica soffoca il tuo entusiasmo. Alleggerisciti. Accetta la vita così com’è.
51- Rinnova il tuo GuardarobaNon hai idea di quanto tu sia attaccato/a ai tuoi vestiti. Se sei un tipo da vestito grigio, prova a metterti qualcosa di colorato. Se il tuo stile è bianco/nero, prova le sfumature. Di sicuro tu non sei i tuoi vestiti, quindi è facile cambiarli, no?

150 Kit Creaimpresa Business Plan per Aprire Imprese di Successo

Scopri Ho’Oponopono La Pace Comincia da Te Metti le cose al posto giusto.

52- Sorridi almeno 10 volte al giornoIntendo proprio questo, inizia a contarli. Sorridere è indicazione di onestà e di potere. Tutti sono capaci di piangere in un disastro, solo il più forte può accettare sorridendo le amarezze. Esercitati con questo potere. Ed in seguito prova a sorridere 20 volte al giorno.
53- Brucia qualche vecchio RicordoPuò essere quel quaderno di appunti di quando facevi la terza media? Forse la raccolta di poesie che hai scritto al liceo? Qualsiasi sia l’oggetto, sbarazzatene. Può essere difficile bruciarlo, ma potrebbe anche essere un segno del fatto che sei così attaccato/a al passato, da non riuscire più ad avanzare.
54- Pianta un AlberoO prenditi cura di una piantina. Fallo per diversi mesi almeno. Otterrai il senso del potenziale. Osservare crescere quell’albero o quella pianta aumenterà la tua fiducia in te. Se ce la può fare un fiore, perchè non ce la dovresti fare tu? Certo che ce la fai, quindi fallo!
55- Trasloca in una nuova Città o in un altro PaeseChe sia arrivato il momento di cambiare ambiente? Approfittane, spostati. Scegli un’altra città, o un altro Paese. Potrà essere difficile, all’inizio, come per tutte le cose buone, ma puoi scommetterci che le cose si muoveranno per il meglio! In alternativa immagina di avere appena traslocato in una nuova città e guarda il tuo quartiere e la tua città con occhi nuovi. Scopri nuovi angoli, conosci nuove persone e tutte le nuove opportunità che può offrirti.
56- Unisciti ad un Gruppo nuovoVai a quella riunione di ciclisti. O, se non sei un ciclista, unisciti a quel gruppo di annunciatori di brindisi che lavorano nei party… Unisciti ad un gruppo e vedi come ti ci trovi. Può esserti utile se è un gruppo che condivide la tua stessa passione. Scoprirai molte cose riguardo alle tue abilità sociali.
57- Smetti di guardare la televisioneLa Televisione si è evoluta parecchio da strumento che in origine annunciava le notizie all’attuale aggeggio di manipolazione. Smetti di guardarla per una settimana. E poi per un mese. Durante questo periodo, verifica i tuoi progressi psicologici. Potresti rimanerne stupito. Noi non abbiamo più la televisione in casa da quasi dieci anni!
58- Inizia un Hobby inusualeInizia a fabbricare treni con i fiammiferi. Alleva dei cobra. Metti piccoli velieri in piccole bottiglie. Fai qualsiasi cosa che ti serva per distrarre per un pò la mente dai tuoi problemi. Se poi crei anche qualcosa di bello nel frattempo, perchè non farlo?
59- Per strada abbraccia uno sconosciuto a casoCerto, potrebbe essere pericoloso, o imbarazzante, ma se lo fai, ci sono possibilità che tu possa ricevere a tua volta l’abbraccio. Farlo alzerà anche il tuo livello di adrenalina a livelli non provati da tanto tempo.
60- Organizza una Festa a Sorpresa
Per te o per un tuo amico/una tua amica. Fa sempre bene al tuo umore, anche se – specialmente se – sei giù di corda. Organizza una festa a tema, invita amici e dì loro di portare i loro amici. E quindi aspettati di conoscere tante nuove persone meravigliose. E, naturalmente, di divertirti.
61- Fai EscursionismoFallo almeno per un weekend. La Natura è più potente dei nostri insediamenti umani. Non sappiamo come canalizzare l’energia dentro ai nostri habitat artificiali. Se vuoi ricaricarti, esci a rimani in contatto con la Natura incontaminata.
62- Prenditi un AnimaleScegli quello che va bene per te, qualsiasi esso sia, un uccellino, una cavia, un cane o un gatto. Ti manterrà vigile e ti tirerà su il morale quando sarai triste. Avere un animale di cui prendersi cura è anche più facile, se sei travolto dalle interazioni con gli umani. L’amore è amore, anche se proviene da un animale.
63- Scrivi una Lettera di RingraziamentoPuoi spedirla o no, la vera sfida è scriverla. Scegli qualcuno che ti ha aiutato in passato. Incomincia a scrivere la lettera e scrivi tutto quello che vuoi dire a quella persona. Ti aiuterà a capire di cosa sei veramente grato/a nella tua vita.
64- Medita ogni GiornoE’ la cosa più facile che puoi fare. La meditazione autentica agisce in qualità di liberatore della mente, lasciandoti aperto/a al flusso pieno di sensazioni ed esperienze che finiresti altrimenti per ignorare. Non ti serve una tecnica complicata, medita nel modo che scopri più adatto a te. Nel mio libro Tutta un’altra vita trovi un metodo molto semplice per farlo.
65- Dì qualcosa di gentile a qualcunoCosì, all’improvviso. Scegli qualcuno che non conosci e digli/dille qualcosa di gentile. Dopo la sorpresa iniziale, ti stupirai della gioia e della gratitudine evidenti sul suo viso. Ammettilo: lo vorresti anche tu, vero?
66- Dì a te stesso/a qualcosa di gentileSe qualcuno non ti dice cose carine, perchè non incominci tu a dirtele? Fallo in qualsiasi modo ritieni appropriato: mandati una email, scrivilo sulla tua agenda o calendario, o lascialo scritto su un post-it visibile sulla tua scrivania. Scrivi qualcosa di carino proprio per te.
67- Quando hai un dubbio, improvvisaSei così spaventato/a perchè non sai la risposta, così nervoso/a perchè potresti rovinare le cose… conosco queste sensazioni, ci sono passato anch’io. Resta in quel flusso e muoviti con esso. Improvvisa. Può essere il meglio per la tua mente inconscia. La risposta potrebbe sorprenderti.
68- Non litigare, allarga il tuo punto di vistaQuesto va a braccetto con l’evitare la discussione, è solo leggermente diverso. Se sei coinvolto/a in una discussione, accetta che ognuno abbia il suo punto di vista. E che dal suo punto di vista ognuno abbia ragione. Non devi per forza rinunciare alla tua opinione e assumere l’idea dell’altro, ma, se vuoi, puoi almeno cercare di allargare il tuo punto di vista e, come dicono i nativi americani, indossare per qualche giorno i mocassini dell’altra persona.
69- Smetti di fingereE’ così facile venire coinvolti nel flusso delle bugie. La società ci richiede di mentire educatamente, ed a volte devi proprio farlo. Smettila. Essere autentico/a è la cosa migliore che puoi fare. Non hai bisogno di nascondere i tuoi dolori e nemmeno le tue gioie. Fanno entrambi parte della vita.
70- Definisci gli ObiettiviAnche questo va a braccetto con lo scrivere la missione personale, me è più di questo. E’ l’abitudine di decidere chiaramente – e quindi di descrivere – dove vuoi andare. Hai un obiettivo? Magari una passione? Dacci dentro! E sii prolisso. Anche questo è un esercizio molto importante nel nostro corso Il Fuoco del Cambiamento e ha creato dei veri miracoli nella vita di moltissime persone!
71- Aiuta gli AltriEsci e cerca di scoprire se puoi aiutare gli altri. Non c’è bisogno che tu ti trasformi in un /una samaritano/a, semplicemente vai là fuori e sii di supporto a qualcuno. Il trucco qui è sorprendente: anche se sembra che tu stia dando, in realtà stai ricevendo molto di più.
72- SocializzaInteragisci, mescolati alle persone, esci di casa. Abituati ad incontrare persone nuove. Rendila un’abitudine e presto ti abituerai anche a fare cose nuove. L’obiettivo non è diventare il migliore creatore di contatti in circolazione, ma è quello di rimanere connesso/a alla maggiore quantità di energie disponibili.
73- Trascorri del Tempo da solo/aDi conseguenza, accertati di avere anche del tempo a disposizione per te. Non deve servirti per forza per ricaricarti, ti serve per crearti una prospettiva nuova. Fermati un attimo e guardati intorno. Dove sei? Dove vuoi essere?
74- Ripara qualcosa con le tue maniFai cose che possano servire anche agli altri. Fai qualcosa di utile. Non perseguire impegni alla cieca, fai le cose che portano un reale cambiamento intorno a te. Creare valore è il cuore della tua attività ed è anche l’unica cosa per cui ti puoi impegnare.
75- Crea ValoreSugli altri e su di te. L’eccesso di critica soffoca il tuo entusiasmo. Alleggerisciti. Accetta la vita così com’è.
76- Compi a caso un atto di gentilezzaNon deve essere sotto forma di complimento carino a qualcuno. Non hai nemmeno bisogno di farlo sapere alla persona interessata. Fai qualcosa in incognito per qualcuno. Vedi come ti fa sentire. Pensa a quante volte hai ricevuto tu qualcosa del genere.
77- Ancora un SecondoCreati l’abitudine di valutare le cose ancora per un secondo di più. Prima di prendere una decisione importante, aspetta ancora un secondo. Ritarda qualcosa. Il tempo seguirà la tua intenzione ed aprirà per te qualche finestra inaspettata. Rallenta solo un pochino.
78- Comprendi ciò che le persone vogliono da teCiò che puoi fare non è sempre quello che le persone vogliono da te. Chiarire la confusione in merito a questo, può già da solo portare sollievo alla tua vita. Non devi dare subito loro ciò che vogliono, ma se lo fai puoi avere delle belle sorprese.
79- Interrompi una vecchia e brutta abitudineE’ difficile smettere una cattiva abitudine. Ma questo renderà disponibile per te una quantità incredibile di tempo. Smetti di fumare o di stare al telefono per ore. Qualsiasi sia l’atto che decidi di interrompere, questo cambierà in meglio la tua vita. E siamo stati i testimoni di migliaia di persone che sono venuti ai nostri corsi e l’hanno fatto.
80- Smettila di lamentartiLamentarsi è come aprire la porta ai guai. Più ti lamenti di una cosa, più quantità di quella cosa finisci per invitare nella tua vita. Dacci un taglio. A lamentarti non ottieni nulla di buono, solo guai. Piuttosto usa le tue energie per cambiare l’evento esterno o se ciò non è possibile, cambia il tuo atteggiamento.
81- Rifiuta quello che non vuoiE’ così semplice, ed al tempo stesso così sottovalutato. Datti il permesso di dire no alle cose che non ti piacciono. Fallo e basta!
82- Essere è meglio che AvereTroppo spesso costruiamo il livello di gradimento della nostra vita in base a ciò che possediamo. Questo è l’errore fondamentale. Se stai facendo così, smettila, adesso. Non sei ciò che hai. Essere è molto meglio che Avere.
83- Ascolta le CriticheQuesta potrebbe inizialmente essere difficile, una volta che ci avrai fatto l’abitudine è fantastica. Potresti scoprire un mucchio di cose su di te, che non sapevi. Pensi di essere un tipo di persona, ma gli altri potrebbero non essere d’accordo.
84- Non Prenderla PersonalmenteMai. E’ la tua reazione alle cose a dare forma al tuo mondo, non sono le cose stesse. Non arrabbiarti, non pensare che qualcuno ti conosca abbastanza da poter presumere le cose giuste si di te. Riconosci questo e vai avanti.
85- RidiSoprattutto di te. Più lunghe saranno le tue sessioni di risata, più corte saranno quelle di commiserazione. Mi sembra un bell’accordo, no?
86- Segui la tua PassioneNon permettere che la tua mente razionale si metta in mezzo tra te e la tua passione. Se hai trovato quel qualcosa che ti elettrizza – oppure, anche occasionalmente, l’hai provato -, ci sei. Non ti serve alcuna conferma da parte di nessuno. Segui la tua passione.
87- Fidati delle tue EmozioniNon sminuirle. O sopravvalutarle. Le tue emozioni sono il tuo sistema di feedback e sono importanti proprio per questo motivo. Ti permettono di avere più informazioni su ciò che sta accadendo dentro di te. Cercare di ignorare le emozioni è come non accendere di notte i fari dell’auto.
88- Vivila come una VacanzaHai mai notato quanto ti senti bene quando sei in vacanza? Quanto sei leggero/a, autentico/a, e pieno/a di gioia? Bene, qui sei in vacanza di continuo. E’ una vacanza che è incominciata alla tua nascita e finisce con la tua morte. Vivila come una vacanza
89- Fanne una StoriaTi piacciono le belle storie? Fai in modo che ogni cosa della tua vita sia degna di diventare una storia. Fai come se ogni cosa fosse un viaggio magnifico e tu fossi al tempo stesso, il narratore, l’osservatore e l’eroe/eroina della storia. Crea la storia della tua vita.
90- Smettila di SeguireAmmirare è bello. Ma smettila di vivere nei panni di qualcun altro. Trova il tuo percorso. Se questo significa cambiare completamente il tuo stile di vita, così sia. Se continui ad essere “come” qualcun altro, non puoi più essere “come” te.
91- Osserva ciò a cui CrediLe tue credenze non sono te. Ma danno costantemente forma alla tua vita. Hai il potere di cambiarle, in ogni momento della tua esistenza. Per fare ciò, devi per prima cosa osservarle, isolarle, accettarle.
92- Smetti di MentireAgli altri ed a te stesso/a. Anche se la situazione può sembrare complicata, alla fine una bugia non fa bene. Il trucco è che quando dici una bugia, stai alterando la tua realtà. E sarà impossibile gestire una realtà distorta.
93- Smettila di Reagire di fronte alle CoseAgendo in base ad esse. Incominciale tu. Fai partire dei progetti. Predici cose e fatti trovare lì prima che la tempesta inizi. Reagire alle cose è il paradigma della vittima. Smetti di fare la vittima ed inizia invece ad agire. Crea la tua vita invece di essere la creazione di qualcun altro.
94- Vivi OggiNon ieri, non domani. Muoviti per quello che puoi fare oggi e lascia “ieri” indietro per i buoni ricordi. Non è più qui. E domani non esiste ancora, quindi perchè prenderti quel disturbo. Oggi è tutto ciò che hai. Non sprecarlo.
95- Aspettati l’InaspettatoSe ti succede qualcosa di inaspettato, dacci dentro! L’inaspettato ti segnala un’opportunità. Non sarà sempre piacevole, ma ogni volta che ti girerà intorno, staranno per succedere grandi cose. Resta ad aspettarlo, chiedilo.
96- Enjoy!E’ come essere “nella-gioia”. Come darsi il permesso di estrarre gioia da qualsiasi situazione in cui ti trovi. Soprattutto se la situazione è brutta. La gioia è ovunque, devi soltanto manifestarla attraverso di te. Non opporre resistenza alla gioia. Non rifiutarla.
97- Crea le Tue RegoleE seguile fedelmente. Segui quello che funziona per te, non per gli altri. Insegui quello che tu vuoi, non quello che vogliono gli altri. Compreso me. Crea il tuo sistema e vanne orgoglioso/a. Puoi infastidire qualcuno durante il tragitto, però…ehi, questa è la vita.
98- AmaIncondizionatamente. Totalmente. Costantemente. Incessantemente. L’amore è l’unica colla che mantiene attaccata la tua vita, mentre scorre. Sei nato/a dall’amore e te lo porti dietro nella profondità del tuo essere. L’amore non è riguarda mai gli altri, riguarda te.
99- Sbarazzati delle EtichetteLe cose sono quelle che sono. Non usare etichette, usa le cose direttamente. Le tue definizioni di “giusto” e di “sbagliato” sono solo etichette. In un altro paese il tuo “giusto” potrebbe essere “sbagliato”. Non caricarti di pesi superflui.
100- Nessun RimpiantoRimpiangere qualcosa è un altra forma di non accettazione della realtà. Che cosa puoi farci adesso? Quella cosa è andata. Non esiste più. Focalizzati su quello che puoi cambiare: il tuo momento presente. Non ieri, non domani. Adesso. Vivi, adesso.

Tratto da Dragos Rua, tradotto da Susanna Eduini. Adattato da Lucia Giovannini e Nicola Riva. Letto e condiviso da BlessYou.

ARTICOLO VISTO SU http://tuseiluce.altervista.org/blog/100-modi-per-vivere-una-vita-migliore/

ARTICOLO RIPRESO ANCHE SU https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2016/09/i-100-modi-per-vivere-una-vita-migliore.html

L’ESSENZA DELL’INSEGNAMENTO ZEN

0

Risultati immagini per zen

Di Vincenzo Bilotta

Voglio parlarvi oggi del buddismo Zen. Saltando le sue origini storiche, vorrei concentrarmi sul suo insegnamento ed in particolare sulla meditazione che prende il suo nome. Scopo della meditazione Zen è la realizzazione della vacuità.



Ma, cos’è la vacuità? Se dovessi rispondere secondo la filosofia del buddismo Zen, potrei dire che la vacuità è e non è… Sì, avete capito bene, miei cari lettori!

La definizione è anche una non definizione, nel senso che tutto è giudicabile oppure no, dipende dai punti di vista e dal grado di evoluzione che una persona ha raggiunto nel momento stesso in cui dovrà scegliere se giudicare o meno. Scopo della meditazione Zen, come un pò di tutti i tipi di meditazione, è il raggiungimento di uno stato di beatitudine, definito Satori.

Colui il quale, durante lo stato meditativo raggiunge il Satori, vivrà l’esperienza del Nulla Consapevole. Il Nulla Consapevole, altro non è che la realizzazione cosciente che tutto ciò che ci circonda è solo pura illusione di materia. Riallacciandoci alla fisica quantistica, possiamo dire che il buddismo Zen è stato un suo precursore. Anche la fisica dei quanti, infatti, attraverso prove e sperimentazioni, ha saputo dimostrare che tutto ciò che è costituito da cose materiali è, in realtà, vuoto. Niente è come appare, Mai.

Quella che noi osserviamo ogni giorno è la realtà soggettiva. Ciò significa che, il mondo che ci circonda è creato dalla nostra esperienza sensoriale ed in base alle nostre percezioni collegate col passato. Normalmente, nessuno riesce ad osservare le cose nella loro Essenza. Ciò che falsa la visione del fenomeno così com’è, è la mente coi suoi filtri esperienziali.

Se prendiamo come esempio un tramonto, esso avrà diversi contenuti emotivi a seconda di chi si porrà di fronte ad esso per osservarlo. Se una persona ha vissuto un dramma durante un tramonto, essa tenderà a ricollegare l’evento triste al tramonto stesso, ricevendone impressioni negative ogni volta che vi assisterà. Se, viceversa, poniamo di fronte ad un tramonto una persona che ha vissuto un’esperienza felice, essa gioirà nell’assistervi nuovamente in quanto la sua mente ricollegherà al tramonto la gioia vissuta in passato.

In entrambi i casi possiamo notare come le esperienze siano di tipo soggettivo e non oggettivo. In nessuna delle due, infatti, le persone saranno neutrali. Anche nel buddismo Zen si parla di visione oggettiva quando si dice che al di là di giusto o sbagliato, buono o cattivo, bello e brutto, paura e amore, là dimora l’insegnamento Zen nella sua purezza assoluta.

FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://vincenzobilotta.blogspot.it/2012/06/lessenza-dellinsegnamento-zen.html

ARTICOLO RIPRESO ANCHE SU https://informazioneconsapevole.blogspot.it/2016/09/lessenza-dellinsegnamento-zen.html

 

RISCHIA DI FARE CIO’ CHE AMI: La Storia Di JIM CARREY

0

Risultati immagini per JIM CARREY

Se pensi che Jim Carrey sia stato uno di quelli raccomandati con i soldi ti sbagli di grosso. Ha superato la depressione e tante battaglie economiche nella sua vita eppure la sua capacità di sollevare i nostri animi e farci dimenticare tutti i problemi è miracolosa.

 




Quello che dice nei suoi incontri che tiene in giro per il mondo è di ispirazione per tutti noi.
Jim Carrey è una star di fama mondiale… oggi. Quando era ragazzo la sua vita è stata tutt’altro che rose e fiori. Ecco la sua storia tratta da upgradeyourmind.
Fin da piccolo Jim aveva un sogno, voleva fare il comico. Trascorreva ore ed ore davanti allo specchio provando le smorfie più bizzarre. Non passava giorno in cui non dedicasse del tempo a migliorare il controllo dei suoi muscoli facciali, ogni momento era quello giusto per inventare un nuova buffa espressione. Riusciva a realizzare delle facce talmente strambe e pittoresche da risultare uniche. A scuola Jim non era certo l’alunno esemplare, le maestre avevano difficoltà a gestirlo, a farlo stare seduto in silenzio ad ascoltare la lezione. Era il classico ragazzetto che non stava alle regole e riusciva a distrarre l’intera classe.
Un giorno le maestre raggiunsero un accordo: se si fosse comportato bene durante la lezione, gli avrebbero consentito per alcuni minuti di esibirsi davanti ai suoi compagni. L’accordo funzionò. Jim ogni giorno si esibiva con le sue esilaranti facce davanti ai suoi amici facendoli letteralmente piegare dalle risate.
L’abbandono della scuola e le difficoltà finanziarie della famiglia
Quando era ancora adolescente, la sua famiglia attraversò una grave crisi economica che costrinse Jim ad abbandonare la scuola. La sua cameretta si trasferì in un furgone Volkswagen parcheggiato nel giardino di un parente. Ogni sera lui e la famiglia salivano a bordo per dormire. Non c’erano più soldi. Jim Carrey cominciò a lavorare come custode in una fabbrica occupandosi anche della pulizia dei bagni.
Il sogno mai abbandonato
Con qualche dollaro in tasca di trasferì a Los Angeles per inseguire il suo sogno: diventare un comico. La gavetta per diventare attore era dura e le continue difficoltà lo portarono a vivere momenti di profonda crisi e frustrazione. Era difficile riuscire a scorgere uno spiraglio di luce, ma Jim cercava di combattere le difficoltà convincendosi che si trattasse solo di un momento di passaggio: quando fosse diventato famoso le frustrazioni sarebbero diventate solo un ricordo, una tappa necessaria del suo percorso verso l’ascesa al successo.
L’assegno da 10 milioni di dollari
Si narra che un giorno sia salito su una collina dalla quale si può ammirare l’incantevole panorama di Los Angeles, abbia preso il blocchetto degli assegni, lo abbia osservato attentamente, abbia preso una penna e scritto sopra l’importo di 10 milioni di dollari. Poco sotto scrisse “Per servizi resi”. Lo datò e piegandolo con cura lo ripose nel portafogli. Ogni giorno Jim portava la mano alla tasca; stringendo quel pezzo di carta tra le mani immaginava la sua vita, di lì a qualche anno, fatta di successi e gloria. Fantasticava con la mente cercando di anticipare le emozioni e le sensazioni che avrebbe provato una volta diventato famoso. Le sue capacità di comico sarebbero state notate: era solo questione di tempo. Ci sarebbe stato qualcuno che accorgendosi del suo talento lo avrebbe ingaggiato in un film.
Non molti anni dopo, in una data prossima a quella indicata sull’assegno, Jim Carrey firmò un contratto come protagonista in The Mask, film che lanciò la sua carriera nell’olimpo di Hollywood.
Jim ha inseguito il suo sogno per anni, molti anni, senza mai smettere di crederci, senza smettere di lottare neppure quando la sua vita, a causa delle grosse difficoltà finanziarie, sembrava dargli tutt’altro messaggio.
Ecco come il messaggio di Jim Carrey in questo video può cambiare la tua vita